Benvenuti nel sito dell’Associazione Sportiva Dilettantistica e Culturale ARTEMIDE !

La nostra Associazione è presente dal 1996 a Torino. Un luogo accogliente e creativo dove condividere la passione per la Danza e la Cultura Mediorientale.

+39 347 7132580
info@artemidedanza.it

musica egiziana Tag

Da ottobre la stagione 202o/2021 con i corsi di danza orientale e tribal fusion! Ripartono da ottobre le attività con i corsi di danza orientale (danza del ventre) e tribal fusion. Ci potete trovare a  Torino con le nostre lezioni, presso il Circolo da Giau, la Cascina Roccafranca e le associazioni Artemovimento e SiDanza. Le nostre attività prevedono:  Classi suddivise per livelli, per consentire alle allieve una crescita tecnica progressiva all'interno di gruppi omogenei.  Istruttori qualificati e preparati e in continuo aggiornamento.  Metodo di insegnamento chiaro, efficace e consolidato, con il quale abbiamo formato migliaia di allieve e molte insegnanti presenti a Torino.  Studio della tecnica e delle sequenze, attraverso movimenti utili ad acquisire consapevolezza, fluidità, coordinazione, musicalità.  Attenzione agli aspetti musicali e culturali, così da arricchire lo studio e la preparazione delle allieve. Le lezioni si tengono in sicurezza, nel rispetto dei protocolli

Frammenti da una conferenza su Oum Kalthoum "Entrava in scena con un vestito bianco, un vestito giallo, un vestito verde, la gente gettava il proprio cuore su di lei, li teneva a lungo nel suo calore, senza più fiato. A mezzanotte, quanto il programma annunciato finiva, aveva ancora voglia di cantare, attaccava con Ya Zalimni, Tu che mi tiranneggi, una lunga poesia che avevo composto per lei quindici anni prima, o allora con Amal Hayati, Speranza della mia vita, la second canzone di Muhammad. Questa parte del concerto era per il piacere, veniva concessa qualsiasi improvvisazione. Il pubblico si toglieva la giacca e si tirava su la gallabiyya. L'idolo avrebbe cantato lo sconforto di tutti e immergendocisi lo avrebbe dissolto. Sapeva che il popolo arabo sarebbe rimasto incollato alle radio, che le strade sarebbero state deserte, che i dirigenti avrebbero evitato